Grazie Polonia, grazie Ungheria

243 Signatures
Target Name Target Organization
Ufficio degli Affari esteri del primo ministro della Polonia
Ufficio degli Affari esteri del presidente della Polonia
Ambasciata della Polonia in Italia
Ambasciata della Polonia presso la Santa Sede
Ufficio della comunicazione internazionale del primo Ministro di Ungheria
Ambasciata dell'Ungheria in Italia
Ambasciata dell'Ungheria presso la Santa Sede
Il governo della Polonia e il governo dell’Ungheria hanno efficacemente resistito al tentativo di ricatto che le istituzioni europee hanno cercato di imporre loro.Si è detto che, per giorni, Polonia e Ungheria abbiano voluto impedire l'approvazione del bilancio dell'Unione Europea (UE). Non è così, e chi lo avesse affermato e ancora lo affermi o è ignorante o è in malafede. In realtà è stata la UE che ha cercato prima di imporsi su Varsavia e su Budapest, e poi di sanzionarle per il mancato rispetto di questioni nient’affatto correlate al bilancio europeo: segnatamente l'ideologia LGBT+.La resistenza di Polonia e di Ungheria si sono svolte nei termini consentiti dalla normativa comunitaria, cioè democraticamente. E adesso la UE fa, almeno in parte, marcia indietro.Davanti a un successo così importante desideriamo dire ad alta voce il nostro grazie alla Polonia e il nostro grazie all'Ungheria. Fallo anche tu

The Petition

Grazie Polonia, grazie Ungheria

Grazie Polonia, grazie Ungheria per la lucidità e la forza con cui avete resistito al tentativo di ricatto che le istituzioni europee hanno cercato di imporvi. Grazie Polonia, grazie Ungheria per la vittoria che avete conseguito contro la tracotanza.

International Family News – “iFamNews –, il portale quotidiano d’informazione, in più lingue, a tutela della vita umana innocente dal concepimento alla morte naturale, della famiglia naturale basata sul matrimonio e delle libertà autentiche della persona ringrazia il governo della Polonia e il governo dell’Ungheria, e si schiera pubblicamente con essi, invitando tutti gli europei e i cittadini del mondo di buona volontà a fare lo stesso.

Si è detto che per giorni abbiate voluto impedire l’approvazione del bilancio UE per ragioni egoistiche. Sappiamo tutti molto bene che non è affatto così, e chi lo abbia affermato e ancora lo affermasse o è ignorante o è in malafede. In realtà è stata la UE che ha cercato prima di imporsi su di voi, poi di sanzionarvi, per il mancato rispetto di questioni nient’affatto correlate al bilancio europeo: in specifico l’ideologia LGBT+.

Voi, governo della Polonia e governo dell’Ungheria, avete resistito, nei termini consentiti dalla normativa comunitaria, al tentativo dei vertici europei di imporvi ideologie estranee al sentire comune dei vostri cittadini e contrarie a quanto stabilito dalle vostre costituzioni.

Oggi, davanti a un successo così importante, Bruxelles sappia che i popoli e i governi di Polonia e di Ungheria non sono soli in questa buona battaglia per la verità sull’uomo e sulle cose. L’Europa è infatti ancora abitata da europei veri: persone e popoli affatto disposti a lasciarsi calpestare da zelanti burocrati di ideologie svilenti e innaturali.

Grazie Polonia, grazie Ungheria: la vostra resistenza preziosa e doverosa è la nostra resistenza. È la resistenza di tutti i veri europei.


Marco Respinti

direttore di International Family News

Brian S. Brown
presidente di International Organization for the Family, editore di International Family News

Sign this Petition

Comments